INSIDE THE TEAL – STEFANO ROSADA

17190953_10154338872919212_7410910246418803053_nL´8 marzo e´stata la giornata internazionale delle donne, in memoria della tragedia accaduta nel 1911 alla fabbrica di camicie “Triangle Waist Company”.
INSIDE-THE-TEAL, la rubrica che oramai padroneggia il giovedì, intervistando i giocatori degli Islanders Venezia, inizia oggi la puntata ammirando tutte le donne che si impegnano nel lavoro, abbracciando le donne che hanno uno scopo nella loro vita e facendo un caro augurio a tutte coloro che, con tenacia, si stanno creando un futuro. Donne che hanno valori, donne che vogliono distinguersi, donne con la D maiuscola.

Oggi, Giovedì 9 Marzo, abbiamo sotto i riflettori un giocatore che ama la propria donna, che la rispetta e la protegge. Un giocatore che rappresenta l’uomo in tutta la sua forza ma anche l’uomo con le sue umane debolezze.
Un giocatore che in campo prende sembianze di un leone, dove forza e determinazione si fondono in un corpo solo.
Stiamo parlando del numero 44, LineBacker degli Islanders Venezia, Stefano “ROSY” Rosada.


“INIZIO L’INTERVISTA COMPLIMENTANDOMI CON TE E CON TUTTA LA DIFESA ISOLANA, PER LA VOSTRA INCREDIBILE PRESTAZIONE NELLA PRIMA PARTITA DI CAMPIONATO. COS’HA FUNZIONATO NEL VOSTRO SISTEMA DI GIOCO?”

“Abbiamo provato tanto durante gli allenamenti ed abbiamo preparato la partita nel migliore dei modi. Durante le fasi di gioco ci siamo accorti che qualche schema aveva dei problemi, ma con i coach siamo riusciti a colmare queste defezioni”

“BHE’ DIREI UN OTTIMO INIZIO DI CAMPIONATO.. E CHE DIRE DI TE? COME TI SEI SENTITO?”

“Diciamo che è sempre bene iniziare con una vittoria. La prima partita di campionato per me è sempre un casino. Inizio già la mattina ad essere agitato, il secondo prima del kick off è il momento in cui ho l’esplosione di adrenalina, poi riesco a stabilizzare concentrazione e agitazione dopo le prime azioni”

“UN’ESPLOSIONE DI ADRENALINA… EH EH, QUESTO E’ IL FOOTBALL, TI ERA MAI CAPITATO IN ALTRI SPORT? COSA FACEVI PRIMA?”

“Come la maggior parte dei ragazzini viene indirizzata al calcio, anche io ebbi la stessa sorte purtroppo.. Dico purtroppo perché la mentalità chiusa che c’è in Italia non dà molto spazio ad uno sport come il football ed il mio rimpianto più grande è proprio quello di non aver iniziato prima. Un altro sport che adoravo era sciare, ma ho messo il football al primo posto e per evitare inutili infortuni non vado più a sciare ormai da qualche anno.. Ma né il calcio e né lo sci ti danno la carica come il fischio d’inizio di una partita di football”

“BHE’ ORMAI SI PUO’ DIRE CHE ANCHE TU SIA UN VETERANO BLUE TEAL.. QUANDO HAI INIZIATO? E PERCHE’ HAI SCELTO QUESTO SPORT?”

“Questo è il mio quarto anno, ma non mi considero ancora un veterano, diciamo che in una squadra giovane come la nostra con tanti Rookie ho un po’ più di esperienza e poi il termine veterano mi fa sentire vecchio =) Il mio inizio è stato abbastanza casuale, in quel periodo stavo cercando un nuovo sport e durante una festa un mio caro amico venne vestito da giocatore con casco e spalliera che mi incuriosì molto. Pochi giorni dopo, una sera in piazza a Mestre un ragazzone mi dette il volantino degli Islanders. Se 1 indizio fa una traccia, 2 fanno una prova, per cui decisi di andare a provare e me ne innamorai”

“UN ALTRO AMORE A PRIMA VISTA.. MA PERCHE’ QUESTO SPORT VI FA INNAMORARE TUTTI? CHE MAGIA C’E’? RACCONTACI DEL TUO PRIMO GIORNO..”

“Il mio primo giorno fu con il Farm team, non avevo la minima idea a cosa andassi incontro ma tutto andò per il meglio. C’erano alcuni coach attuali e qualche ragazzo della prima squadra a dirci cosa fare. Quando tornai a casa ero soddisfatto. Continuai ad andare agli allenamenti finchè dopo un mese ci aggregammo alla squadra senior, in fondo al gruppo, zitto, corri e impara. Più imparavo termini e schemi e più ero ammirato da questo sport. Penso che la magia sia il gruppo che si crea, la voglia di non eccellere singolarmente ma crescere come gruppo.”

“DISCIPLINATO E SPORTIVO.. RACCONTACI DI TE, LAVORO E PASSIONI..”

“Lavoro come elettricista sulle navi in costruzione. Hobbies in realtà ne ho pochi, sono un amante dei videogames, quello si.. Quando ho un po’ di tempo libero, qualche maratona alla xbox o al pc me la faccio. Mi piace molto la montagna e adoro viaggiare”

“CHIUDIAMO QUESTA BELLA INTERVISTA CON I SALUTI, C’E’ QUALCUNO IN PARTICOLARE CHE VUOI SALUTARE O RINGRAZIARE?”

“Si, vorrei ringraziare la mia ragazza che mi ha sostenuto quando ho iniziato, che viene a tutte le partite, trasferte comprese e che mi sopporta in ogni maledetto gameday!”

Un leone in campo ma anche un dolce fidanzato, Alessandra cosa vuoi di più??
E voi cosa state aspettando?? Andate a vedere gli Islanders Venezia nella loro prossima partita in casa a Favaro, ormai con queste interviste qualche giocatore già lo conoscete.
E chi sarà il prossimo sotto ai riflettori di INSIDE-THE-TEAL?? Lo scopriremo giovedì prossimo..
STAY TUNED-STAY TEAL-STAY ISLANDERS

 

Attachment

17190953_10154338872919212_7410910246418803053_n