COMUNICATO UFFICIALE DIRETTIVO a.s.d. ISLANDERS Venezia A.F.T.

Apprendiamo con soddisfazione la sentenza di assoluzione emessa dal Tribunale di Venezia nei confronti dei nostri tesserati.

Ci complimentiamo con tutti gli avvocati che hanno lavorato per ottenere questo risultato e con i soggetti coinvolti che hanno saputo reggere lo stress derivante dal processo.

Fin dall’inizio della vicenda abbiamo manifestato fiducia nella magistratura, rispetto per la presunta persona offesa e sostegno agli indagati.

Abbiamo ricevuto nel corso di questi anni attacchi e critiche da parte di vari soggetti.

Siamo tuttavia orgogliosi di aver avuto, in tempi non sospetti, il coraggio di non assumere provvedimenti disciplinari sull’onda del giustizialismo che da più parti si percepiva.

Oggi è il momento di riflettere su quanto è avvenuto in questi anni ed ognuno di noi è chiamato ad una attenta e profonda riflessione su ciò che è stato.

Come dirigenti ci piace rileggere con attenzione il comunicato emesso 4 anni fa, per il tramite del nostro Avvocato, quando scoppiò una “bomba mediatica”, destinata solo a fare danni, e quando più di qualche “Solone” chiedeva l’assunzione di provvedimenti disciplinari, poiché la società non poteva non conoscere i fatti:

“..Va evidenziato inoltre che gli atti del procedimento non potevano essere a disposizione della società essendo terza rispetto il procedimento stesso e la valutazione sulla fondatezza degli stessi spetta unicamente all’Autorità giudiziaria. Infine , assumere provvedimenti disciplinari verso soggetti meramente indagati e nei cui confronti la società nutre stima e per i quali vige l’inviolabile presunzione di non colpevolezza, sarebbe stato particolarmente gravoso e contrario alla normativa federale”

Era il 26 dicembre 2013 e come sempre il Tempo è galantuomo.

 

 

LA Dirigenza a.s.d. ISLANDERS Venezia AFT